IL PROGRAMMA DI NOVEMBRE!

SABATO 9 NOVEMBRE ore 17.00
=SWAP PARTY AL VIK!=

551285_457737567680666_1220582324_n
Il termine swap significa baratto e il baratto è bello!
Anche quest’anno hai dovuto metterti lì a fare il cambio stagione nel tuo armadio. Quanti vestiti ed altro non hanno trovato una collocazione ma buttarli via sarebbe un peccato?
BARATTA!
Lo Swap Party funziona così: ognuno porta qualcosa che è disposto a scambiare (VESTITI/SCARPE/BORSE.. IN BUONE CONDIZIONI!) e lo baratta con quello che hanno portato gli altri.
Così gli oggetti circolano e riprendono vita e tu te ne vai a casa bello contento con qualcosa di nuovo che non ti è costato niente.
A grande richiesta, verrà inaugurata la stagione del the caldo (coi dolcini, addirittura).
Vi aspettiamo al Vik!!
——————————————————————————-
COSA PORTARE: vestiti, scarpe, borse, puliti e in buone condizioni. Anche degli appendini se li avete!! (quelli ve li restituiremo)
COSA NON PORTARE: attaccamento alle cose. Siate generosi!!


VENERDI’ 15 NOVEMBRE ore 20.00
=GUIDO CATALANO PRESENTA “PIUTTOSTO DI MORIRE MI AMMAZZO”

Catalano
È laureato in Storia del Cinema ma non entra in una sala cinematografica da più di due anni.
È stato portiere in un residence, poi si è fatto licenziare e si è messo a fare il poeta a tempo pieno.
Ora Guido Catalano, torinese, barbuto e con poche “erre” sulla lingua, tiene oltre 200 reading all’anno in giro per Italia, ha pubblicato sei libri e da qualche mese è poeta di condominio sul terrazzo di “Celi mio marito”, preserale di Raitre.

Non spaventi il titolo del suo ultimo libro, “Piuttosto che morire m’ammazzo” (Miraggi Edizioni): dentro si alternano cani volanti, “malincogatti” e cappelli da cowboy ma soprattutto, scrive l’autore nella premessa, “una quantità d’amore, che non si capisce come sia possibile per un solo uomo”.
Dopo il successo dello scorso anno, torna al Vik il torinese più amato dai piacentini.
Impossibile mancare!


SABATO 15 NOVEMBRE ore 19.00
VIKBONICO, VOL.1

1376587_405269372932472_318634063_n
3 gruppi dal suono pesante per una serata di musica a 360° al SoundBonico (S. Bonico – Piacenza)

–YOKOANO (Varese/Como)–
Yokoano è una band italiana indipendente.
Dani (ex Porno Riviste) con Fabio e Dario, fondendo i propri diversi background musicali, creano una sintesi sonora non etichettabile in un genere.
Tra il 2008 e il 2009, compongono un totale di 11 brani, la cui prerogativa è un sound diretto che alterna momenti più cupi e riflessivi a vere e proprie esplosioni di schizofrenia musicale.

Nella primavera del 2010 pubblicano, sotto l’etichetta Canapa Dischi, l’album “Yokoano” ed iniziano un tour che li porta a suonare in tutta Italia condividendo il palco con artisti tra i quali SKA-P, MXPX, Linea 77, Punkreas, Ministri e molti altri ancora.
Saranno a Piacenza con il loro secondo album “Ventre”.

–TOPSY THE GREAT (Prato)–
I Topsy The Great sono un power trio strumentale, formatosi a Prato 5 anni fa.
Il nome si ispira alla tragica storia di una elefantessa, Topsy, fulminata pubblicamente in central park da Thomas Edison per dimostrare che la corrente alternata era sconsigliata per l’uso domestico. La scelta non è casuale, il sound abrasivo e tagliente dei Topsy è frutto infatti di scelte artistiche/estetiche ben precise e non convenzionali: amplificatori low cost rigorosamente a transistor, pedali autocostruiti, suoni di batteria anacronisticamente 70s.

Prodotti da Santa Valvola e fromSCRATCH records, dopo anni in giro per l’Italia ed un fortunato tour europeo, approdano a Piacenza con il loro bagaglio di noise/punk strambo e schizzoide.
Imperdibili.

–SCHLOOST (Piacenza)–
Stoner a foco, viva la fica e madonna puttana“.
Che altro aggiungere?
Schloost è un gruppo sludge/doom piacentino che da un paio d’anni porta in giro uno stoner granitico e genuino, dall’attitudine fortemente punk.
Li abbiamo visti al TENDENZE FESTIVAL PIACENZA (e non solo) e ce ne siamo innamorati (soprattutto del batterista).
————————————————————————–
INGRESSO 3€
(per 3 gruppi indipendenti che meritano e per una serata di rock come non se ne vedevano da un po’).
Si apre alle 19 e si inizia a suonare alle 21.30.
E’ necessaria la tessera Arci (se non l’avete, potete acquistarla in serata: per il 2013 a 5€ e per il 2014 a 10€).
————————————————————————–


VENERDI’ 22 NOVEMBRE ore 20.00
UNA SERATA CON…SPINOZA

spinoza
Spinoza.it è un blog satirico collettivo a cura di Stefano Andreoli e Alessandro Bonino, coadiuvati da un nutrito staff di menti altrettanto malate. Esiste dal 2005.
Nel 2009, nel 2010 e nel 2011 è stato nominato Miglior blog italiano. Nel 2010 ha ricevuto il Premio Internazionale di Satira Forte dei Marmi.
Sempre nel 2010, per Aliberti editore, è uscito Spinoza. Un libro serissimo.
Nel 2011 è uscito (sempre per Aliberti) Spinoza. Una risata vi disseppellirà.
Da giugno 2012 è in libreria Spinoza. Qualcosa di completamente diverso.
A novembre 2013 il Vik farà da blog “live”, con una chitarra e le migliori battute del sito direttamente dalla bocca di uno dei fondatori.
AVVISO AI VICINI DEL PIANO DI SOPRA: scoppi improvvisi di risa assicurati!


GIOVEDI’ 28 NOVEMBRE ore 20.00
NO MUOS FILM

no-muos-film
All’interno della Riserva Naturale Orientata Sughereta di Niscemi, sito già dichiarato di importanza comunitaria, si sta costruendo una delle quattro stazioni di terra del Mobile User Objective System (MUOS), sistema di comunicazioni satellitari ad altissima frequenza gestito dal Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti. Il programma di installazioni è fortemente contestato dagli abitanti di Niscemi e migliaia di siciliani che si sono costituiti in diversi comitati che hanno dato vita al movimento No Muos.

Il documentario NO MUOS FILM nasce dall’esigenza e dall’urgenza sociale, politica e culturale di raccontare e documentare le ragioni della protesta e gli avvenimenti che si stanno susseguendo per fermare questa installazione.


====================================================
CINEFORUM (OGNI DOMENICA, INIZIO ORE 21.30..puntuali!)
====================================================

1379980_455682684552821_358583903_n
4 domeniche per 4 spettacoli di 4 comici americani, brutti e dannati.
Satira devastante e sano cinismo, elementi che mancano nella società del “politically correct” di oggigiorno.

DOMENICA 3 NOVEMBRE
“REVELATIONS” – Bill Hicks
In questo monologo, registrato nel 1993 al Dominion Theatre di Londra, Hicks tocca tutti i suoi temi più classici: la prima Guerra del Golfo, l’omicidio Kennedy, la religione, le droghe, la pubblicità e il sesso. Il tutto con una massiccia dose di cinismo e senza alcun freno inibitore. Ma proprio quando pensate che non si possa essere più estremi, Bill tira fuori Goatboy, una sorta di divinità pagana con le sembianze di capra.
E mette alla prova il vostro senso morale.
Questo spettacolo è l’ultimo che Hicks registrò (almeno ufficialmente), prima di morire di cancro al pancreas nel 1994.DOMENICA 10 NOVEMBRE
“OH MY GOD” – Louis C.K.
Louis Szekely, conosciuto con il nome d’arte di Louis C.K., è un comico, sceneggiatore, attore, produttore televisivo e regista statunitense.
Fedele alla tradizione dei più grandi “stand up comedians”, il suo spettacolo del 2013, tocca tutti i temi riguardanti la società tecnologica che ci circonda, implacabile, senza lasciare scampo a nessuno. DOMENICA 17 NOVEMBRE
“AGAIN” – George Carlin
Breve nota per capire bene il periodo in cui è registrato lo spettacolo (1992): la Guerra nel Golfo è appena finita (sotto la presidenza di George Bush Senior, con segretario della difesa Richard “Dick” Cheney) ed iniziano ad avere molto peso movimenti ambientalisti, anche grazie alla politica favorevole.
“Jammin’ in New York” non risparmia nessuno: ambientalisti, pacifisti, repubblicani, nazisti, hippies.. Tutti hanno almeno uno scheletro nell’armadio e Carlin li mette in bella mostra, per spingerci a ragionare a mente aperta.

DOMENICA 24 NOVEMBRE
“BUT I’M NOT WRONG” – Bill Maher
Politica, religione, economia, pubblicità, 4 argomenti “pesanti” che vengono affrontati con lucida spietatezza nello speciale della HBO, rete televisiva americana.
Chi l’ha detto che bisogna essere comprensivi e compatire le minoranze? Non è già forse questa una forma di discriminazione?
Lucido, divertente e spietato Maher analizza ogni aspetto della società americana (e quindi anche nostra), mostrando tutte le sue incoerenze e contraddizioni.

COMUNICAZIONE RISERVATA AI SOCI ARCI

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...